Cremazione spoglie animali domestici

Cremazione spoglie animali domestici

Tutte le domande hanno una risposta. La procedura di cremazione, la scelta delle urne, la tipologia di cremazione(individuale o collettiva) e le leggi che regolano l’attività.

 

PROCEDURA DI CREMAZIONE:

• l’animale viene posto nel forno;
• il forno viene acceso e raggiunge la temperatura d’esercizio (circa 1000°C)
• la fase di cremazione vera e propria ha una durata che varia da 1,5 ore a 2 ore (in base a taglia e peso);
• vi è poi una fase di raffreddamento del forno (circa 1 ora);
• infine avviene il recupero delle ceneri e, in caso di cremazione personalizzata o individuale, la collocazione in un’urna, che viene poi consegnata al proprietario dell’animale.

Esistono anche urne di materiale biodegradabile (scatoline), adatte per essere sotterrate nel proprio giardino.

gatto-11-oasi-del-paradiso-dario-mazzucato-recupero-cremazione

AI fini dell’applicazione delle leggi vigenti, sono considerati animali domestici:

  • Cani
  • Gatti
  • Invertebrati (escluse le api ed i crostacei)
  • Furetti
    • Pesci tropicali decorativi
    • Anfibi e rettili
    • Uccelli, esclusi i volatili previsti dalle direttive 90/539/CEE (pollame e affini) e 92/65/CEE
    • Roditori e conigli domestici

 

IL RITIRO DELL’ANIMALE:

È possibile prenotare il ritiro dell’animale presso l’ambulatorio del proprio veterinario o l’abitazione. Il ritiro avverrà con un mezzo idoneo.

Una volta ritirato l’animale, esso viene immediatamente trasferito presso le celle frigorifere (conformi alla normativa) in attesa di essere cremato.

È possibile optare per una cremazione collettiva (di gruppo), in tal caso sarà la nostra struttura ad occuparsi dello smaltimento finale delle ceneri (ovviamente in modo adeguato e rispettando la normativa italiana e comunitaria).

Il ritiro delle ceneri (in caso di cremazione personalizzata o individuale) saranno consegnate presso la vostra abitazione o il veterinario, con costi variabili in funzione della distanza.

È possibile scegliere fra diversi tipi di urne per dimensioni, forma, prezzo, etc.
Esistono anche urne biodegradabili, adatte qualora voglia sotterrare i resti del vostro caro animale estinto.

 

CREMAZIONE O SEPOLTURA DI ANIMALI DA COMPAGNIA
SINTESI DELLA NORMATIVA VIGENTE

E’ importante specificare che la legge impone l’obbligo di provvedere alla sistemazione definitiva del corpo dell’animale deceduto, vietandone l’abbandono, lo scarico o l’eliminazione incontrollata (in Italia, questa violazione è punita ai sensi del D. Lgs. n. 36/2005, art. 4 che prevede una sanzione amministrativa che può arrivare fino a € 28.000,00).
La Comunità Europea ha disciplinato questo argomento con una serie di leggi che sono contenute nei “REGOLAMENTI CE 1069/2009 e 142/2011” che, con il Titolo 3, capo 2, articolo 54 del Reg. CE 1069/09 (“abrogato con effetto dal 04/03/2011”) abrogano, sostituendolo, il precedente REGOLAMENTO CE 1774/02. Il testo dell’attuale legislazione,
definisce “animali da compagnia” quegli animali appartenenti ad una specie abitualmente nutrita e tenuta dall’uomo a fini diversi dall’allevamento e da esso non consumata (Titolo I, capo I, sezione 1, articolo 3, punto 8), altrimenti detti “animali d’affezione”, li classifica come appartenenti alla CATEGORIA 1 (Titolo I, capo I, sezione 4, articolo 8, lettera a, punto iii) e ne stabilisce le norme per tutto ciò che riguarda l’ultimo viaggio (Titolo I, capo II,
sezione 2, articolo 12).
Per adempiere a questo, che ricordiamo essere un obbligo sancito dalla legge, oltre che un atto di rispetto, esistono due possibilità, riferibili agli animali da compagnia:
la cremazione e la sepoltura.